mani che cercano un tartufo

Alba e i suoi tartufi in mostra

Tra le colline di Langhe, Monferrato e Roero si torna a caccia di tartufi

Dal 9 ottobre al 5 dicembre torna in scena la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, alla sua 91ª edizione, con particolare attenzione alla sostenibilità

La cittadina piemontese del Tuber Magnatum Pico si prepara ad accogliere – con rispetto di distanziamenti, controlli e ingressi contingentati – migliaia di visitatori e buongustai alla ricerca di esperienze memorabili legate a profumi e sapori del prezioso fungo ipogeo, sua maestà il tartufo bianco d’Alba.

Poco meno di due mesi, dunque, per visitare il territorio di Langhe, Monferrato e Roero, per conoscerne storia e tradizioni, per apprezzarne appieno il ricco comparto enogastronomico e al contempo avere l’occasione di approfondire questa gustosa e intensa tematica.

Tra gli appuntamenti da non perdere, infatti, anche le interessanti Analisi Sensoriali del Tartufo, tenute dagli esperti del Centro Nazionale Studi Tartufo, che si prefiggono di guidare piccoli gruppi alla scoperta dei segreti di questo buonissimo fungo ipogeo, tra degustazioni olfattive, test sensoriali e prove pratiche. Una lezione veloce per imparare a scegliere un tartufo, a distinguerne la qualità, a conservarlo e consumarlo al meglio.

Acquistarli con garanzia di qualità e tracciabilità

Cuore della fiera, come sempre, il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, luogo ideale per apprezzare e acquistare i tartufi di cui abbiamo parlato all’interno dello storico spazio del Cortile della Maddalena: ogni weekend sarà possibile acquistare esemplari certificati del prezioso fungo ipogeo, direttamente dalle mani dei trifolao.

tartufi bianchi

Anche se non sembra, acquistare tartufi al giorno d’oggi è operazione delicata a causa del rischio di frodi: per questo motivo l’Ente Fiera, che è garanzia di originalità, applica un rigoroso protocollo di selezione del prodotto fresco in vendita.

“Ogni anno il Comune di Alba nomina una commissione composta da esperti che redige un regolamento per normare la vendita del Tartufo a cui tutti i venditori presenti alla Fiera, come i commercianti, devono attenersi – afferma Antonio Degiacomi, Presidente del Centro Nazionale Studi Tartufo –. I giudici della Commissione Qualità ogni giorno eseguono un’accurata analisi sensoriale selezionando soltanto i prodotti idonei alla vendita che, a quel punto, vengono contati e pesati e inseriti in sacchetti numerati che garantiscono la tracciabilità del prodotto”.<

tagliolini con tartufo

Per informazioni: www.fieradeltartufo.org

 

Immagine di copertina © Tino Gerbaldo

Immagini interne © Giorgio Perottino Getty Images for Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Torna in alto