Benvenuto, sono Laura Sorlini

La mia storia e le mie passioni

Con la valigia sempre pronta, un quaderno d'appunti e un calice da riempire

Chi mi conosce sa che fare domande rappresenta per me un divertimento, quasi un’esigenza. Amo conoscere persone, ascoltare la loro storia, confrontarla con la mia. E i luoghi, quelli che profumano di vita vissuta, di storia, di passione, di tradizione.

Quando ho capito che non potevo fare a meno di nutrirmi di racconti, ho studiato per diventare giornalista, per fare le domande giuste, per ammaestrare la mia curiosità, indirizzarla su argomenti di interesse e riuscire a divulgarne i risultati.

Il mio percorso è proseguito con una lunga gavetta nella redazione di diverse testate locali e nazionali, dalle più generaliste alle settoriali e, naturalmente, con l’esame all’Ordine dei Giornalisti.

Per caso mi trovo a scrivere di Food & Wine. Ed è subito amore. Che mondo meraviglioso, quanta arte, quanta tecnica e quanto sacrificio sta dietro a tutto questo. Per non parlare dello stupore del palato, che viene messo alla prova di continuo e ammaliato senza possibilità di ritorno.

Anni di degustazioni, interviste ai protagonisti, cene e tour a tema – oltre al fatto di avere una madre che fa poesia ai fornelli – mi hanno portata a sviluppare un ventaglio di conoscenze sempre più ampio e a un severo spirito critico.

Ma non bastava. Volevo saperne di più.

E così eccomi tra i banchi dell’Ais, nella mia amata Brescia, per dissetarmi di vino e nozioni. Conseguo il diploma di sommelier, che oltre a essere fonte di soddisfazione personale mi permette di scrivere non solo per sentito dire, ma anche di raccontare le esperienze degustative fondate e comprese a fondo. Anche se – come accade in ogni settore – non si finisce mai di imparare.

Torna in alto